CLEAN COAST SARDINIA

Cleaning the Giorgino beach – pulizia di spiaggia con Greenpeace Cagliari

It felt like summer on the last Sunday of January this year, when we went to Giorgino to help the volunteers of Greenpeace Cagliari who organised a beach clean-up there.  The beach was like a big brown carpet created by the algae and spotted with pieces of rubbish – plastic bottles, styrofoam containers, countless food wrappers, straws, plastic lollipop sticks, cans…not to mention the domestic  equipment and electronics illegally abandoned nearby, which was also collected by the amazing group of young people who started the initiative. It was a depressing view – once a popular place for sunseekers reduced to a dumpsite. On the other hand, however, it was heart-warming to see such a big group of volunteers, of different ages, involved. By midday around 50 bags of trash were collected.  We left the place tired but happy, hoping that the everyone’s effort to clean the Giorgino beach will not be wasted.

A link to an article in Italian about this event with more photos:

http://www.profilosociale.it/greenpeace-cagliari-giorgino-plastica-rifiuti-spiaggia/

Puliamo il Poetto – World Clean Up Day

Per la  giornata della pulizia mondiale – il 15 SETTEMBRE – Clean Coast Sardinia, in collaborazione con COMUNE DI CAGLIARI e OCEAN CONSERVACY organizza la pulizia del POETTO.

VIENI CON NOI – INSIEME POSSIAMO FARE LA DIFFERENZA!

 L’obbiettivo: ripulire circa 2 km della spiaggia dai rifiuti.

Poetto beach cleaning 15 september

2 PUNTI di incontro/partenza ( la mappa)

  1. OTTAGONO – direzione Cagliari, fino a OSPEDALE MARINO VECCHIO ( il percorso piu’ corto)
  2. EMERSON – direzione Quartu, fino a OSPEDALE MARINO VECCHIO ( il percorso piu’ lungo)

Alle 9:15 ci incontreremo presso i punti di partenza, davanti all’Ottagono/Emerson. Compileremo la lista dei volontari presenti. I minori dovranno essere accompagnati da un adulto. Avremo per voi i sacchetti e le buste per fare la differenziata. Ognuno dovrà portare con se un guanto.

FINISH alle 12:00 – deposito dei sachetti/buste nell’area sterrata presso l’edificio dell’ex pronto soccorso dell’Ospedale Marino Vecchio (edificio in mattoni rossi).

PRIMA IL DOVERE, POI IL PIACERE J DOPO LA PULIZIA, chi avra’ piacere, potra’ fermarsi al mare. Abbiamo un’offerta speciale per i nostri volontari:

Riceverete un biglietto che vi dara’ la possibilita’

di passare il pomeriggio presso gli Stabilimenti della Cooperativa del Golfo degli Angeli a prezzo SCONTATO.

4 € per 1 sdraio, inclusa doccia-spogliatoio ed utilizzo tavola Sup

– 8 € per 1 sdraio + ombrellone

– 12 € per 2 sdraio + ombrellone

Gli stabilimenti di riferimento sono il Golfo degli Angeli n’5 ( davanti al bar “Corto Maltese”) ed il n’6 (davanti al bar “La Dolce Vita” )

ATTENZIONE: Clean Coast Sardinia non si assume responsabilita’ alcuna per eventuali danni a cose o persone.Raccomandiamo di prendere le precauzioni necessarie onde evitare ferite o possibilita’ di infezioni.NON SI CAMMINA SCALZI- PROTEGGIAMO LE MANI CON GUANTI. Segnalare ma non toccare rifiuti ingombranti o pericolosi, segnalarli ad un responsabile.

PERKS – i regali che puoi scegliere per la tua donazione.

Dona e scegli il tuo regalo:

I PERKS sono i regali che tu puoi scegliere per la tua donazione. Se apri il link raccolta fondi  vedrai le due opzioni: DONATE NOW (senza chiedere un regalo) oppure CHOOSE A PERK – qua vedrai tutto che ti possiamo regalare – gli orecchini da materiale riciclato, le nostre magliette, le calamite fatte da sughero, i sottobicchieri da sughero, il nostro poster stupendo con la natura della Sardegna (solo 70 disponibili) , un portabiglietti fatto in legno e sughero (solo 5 disponibili), oppure regaliamo anche le esperienze bellissime – uscita’ in barca con pranzo a bordo e la cena in un ristorante di uno chef famoso a Cagliari.

Ti ringraziamo per il tuo sostegno!

 

 

La pulizia della spiaggia di Capitana con Francisco Porcella

Ferragosto in Sardegna. Passato, presente, futuro.

clean coast sardinia

Vi racconto una giornata al mare al passato. Il  ferragosto 2018 in Sardegna. Le spiagge piene di gente, come questa nel nord dell’isola. C’era una famiglia come tante altre. E’ arrivata presto e si e’ goduta il mare caldo e la spiaggia pulita. Dopo il pranzo, il padre ha fumato una sigaretta e il pacchetto e’ finito in spiaggia accanto alle cicche. La madre ha mangiato un gelato e la confezione e’ volata con il vento due metri dal suo asciugamano… troppo lontano per andare a ricuperarla. Comunque oggi poteva mangiarlo il gelato, ha fatto la dieta di “prova costume”. Prima di entrare in acqua ha indossato quello nuovo. L’etichetta si e’ persa tra la sabbia. Il figlio più grande ha mangiato un lecca lecca e un kinder sorpresa. Poi si doveva cambiare il pannolino della bimba più piccola, c’era odore di cacca e il cestino era 100 metri più avanti. Allora e’ stato lanciato tra le dune. La macedonia comprata al bar non era buona, allora anche il bicchiere di plastica con i pezzi di pesca è finito sulla sabbia. Poi finalmente sono andati via.

Adesso vi racconto il presente. E’ il 16 agosto e sono in spiaggia. Centinaia di persone e sento parlare solo italiano. Sto camminando e raccogliendo tutto quello che e’ stato lasciato in questa giornata di Ferragosto. Si vede la differenza tra ciò che viene portato dal mare e ciò’ che e’ stato lasciato ieri in spiaggia. Poi sento i complimenti, le lamentele contro la gente maleducata, a volte non sento niente, vedo solo teste abbassate. Ma non si alza nessuno per aiutarmi. Ho fatto un chilometro e ho riempito una busta di plastica. Qualcosa e’ rimasta dietro. Non potevo raccogliere i pezzi più grandi perché ho solo due mani…

E adesso vi racconto il futuro: le spiagge in Sardegna non saranno più pubbliche. Res publica vuol dire di TUTTI ma qui sembra di nessuno. Il futuro e’ incerto. Magari le spiagge saranno tutte private, date in concessione come nella maggior parte delle costiere italiane. Si accederà pagando un biglietto di ingresso e si sarà obbligati a prendere una sdraio e un ombrellone pagando anche per questi. E poi passera’ qualcuno pagato per ripulire la schifezza che tutti lasceranno. Forse non si arriverà neanche più sulle spiagge dell’isola perché la Sardegna condividerà il destino di Bali, della Repubblica Dominicana e Florida, l’ultima quest’anno con divieto di balneazione per le alghe velenose.  Ma chi arriverà sognerà il mito della Sardegna ancora selvaggia, i tuffi tra gli scogli, le nuotate con maschera e boccaglio tra i pesci colorati, e le passeggiate romantiche sulle spiagge deserte guardando il tramonto.

Il futuro si sta avvicinando. Siete pronti?

Il tempo per agire è ORA.

Press: Raccogliere rifiuti in spiaggia, il gesto di Anna diventa social

Il Link per leggere : La Nuova Sardegna 15 07 2018

Clean Coast Sardinia La Nuova Sardegna

L’articolo nel giornale di 15 luglio 2018

 

Il mistero dei dischetti di plastica risolto

Almeno una ventina di dischetti raccolti questo ultimo fine settimana lungo le coste dell’Ogliastra, in Sardegna. Un mese fa, quando li ho trovati per la prima volta, non sapevo cosa fosse. Oggi con la ricerca sul web il mistero è stato risolto…

Ondanews.it

stiletv.it

Clean Sea Life